Unione Valdera > TUTTI DALLA PARTE DI BRENDA - LA SOLIDARIETA’ DEI SINDACI DELL’UNIONE AL PRIMO CITTADINO DI EMPOLI E L’INVITO A PRENDERE PARTE ALLA MANIFESTAZIONE DEL 27 GENNAIO A PISA

Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

unionevaldera@postacert.toscana.it
Unione Valdera

TUTTI DALLA PARTE DI BRENDA - LA SOLIDARIETA’ DEI SINDACI DELL’UNIONE AL PRIMO CITTADINO DI EMPOLI E L’INVITO A PRENDERE PARTE ALLA MANIFESTAZIONE DEL 27 GENNAIO A PISA

TUTTI DALLA PARTE DI BRENDA - LA SOLIDARIETA’ DEI SINDACI DELL’UNIONE AL PRIMO CITTADINO DI EMPOLI E L’INVITO A PRENDERE PARTE ALLA MANIFESTAZIONE DEL 27 GENNAIO A PISA

Un gesto ignobile, esecrabile, frutto di un clima esacerbato che si nutre di paura e odio – così i sette sindaci dell’Unione Valdera commentano le spregevoli minacce di cui è stata vittima la prima cittadina di Empoli, Brenda Bernini - e in questo contesto non si può assistere indifferenti a rigurgiti fascisti che da una parte intendono intimidire e dall’altra sembrano voler soffiare sul fuoco del rancore e dell’ostilità razziale”.

Chi amministra un paese o una città – spiegano i sindaci dell’Unionerappresenta una comunità e valori come la democrazia e la libertà, capisaldi della nostra Repubblica nati proprio dalle lotte di Resistenza e dal ripudio del regime fascista. Le minacce che ha subito Brenda, a cui va tutta la nostra solidarietà, sono pertanto un oltraggio alla democrazia. Forse è venuto il momento di manifestare apertamente il dissenso di tutto il paese verso questa barbarie morale. Per questo motivo invitiamo Brenda a prendere parte con noi alla manifestazione “Mai più Fascismi” promossa da ANPI e dal tavolo provinciale dell’antifascismo per la Giornata della Memoria 2018 che si terrà a Pisa il prossimo Sabato 27 Gennaio. Noi saremo là a condannare atti come questi e a ribadire che ci sono valori inviolabili in una democrazia”.