Questo sito può utilizzare cookies tecnici e/o di profilazione, anche di terze parti, al fine di migliorare la tua esperienza utente.

Proseguendo con la navigazione sul sito dichiari di essere in accordo con la cookies-policy.   Chiudi

unionevaldera@postacert.toscana.it
Unione Valdera

ALLERTA METEO

Il procedimento amministrativo di formazione del piano: tappe, durata indicativa, fasi di partecipazione

 

FASI DEL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DEL PIANO

Come previsto dalla legge siamo nella fase preliminare ed iniziale di definizione del PSI, ovvero all’avvio formale del procedimento di formazione che prevede la definizione e approvazione di due elaborati fondamentali:

I documenti di avvio del procedimento sono stati approvati con Delibera di Giunta dell'Unione Valdera n.86 del 29.9.2019

 

Il procedimento è stato successivamente integrato con elementi e documenti approvati con Delibera di Giunta n.59 del 25.05.2018.

I documenti approvati sono i seguenti:

Linee guida Autorità Competente per la V.A.S.

Cronoprogramma

Piano del garante della partecipazione 

 

Alla fase preliminare segue la fase di elaborazione del Piano Strutturale intercomunale che dovrà essere adottato e successivamente approvato.

Il Piano Strutturale da adottare e approvare dovrà contenere almeno:

  • La ricognizione delle prescrizioni (da rispettare e applicare) contenute nel Piano di Indirizzo Territoriale (P.I.T.) con valenza di Piano Paesaggistico regionale (P.P.R.)e nel P.T.C. provinciale (Piano Territoriale di Coordinamento).

  • Il Quadro Conoscitivo di riferimento che individua, valorizza e recupera le identità locali attraverso un processo di reperimento di dati ed informazioni costituito da indagini, relazioni di settore, consultazione di archivi e banche dati, tali da fotografare la realtà del territorio con carte e rappresentazioni grafiche. In questo quadro viene anche allestito un vero e proprio sistema informativo geografico (GIS) locale.

  • Lo Statuto del Territorio: che contiene una disciplina generale del territorio rivolta a tutelare e valorizzare il patrimonio territoriale, l’ambiente e il paesaggio e una disciplina di dettaglio finalizzata al controllo del consumo di suolo attraverso la perimetrazione del territorio urbanizzato, dei beni culturali e paesaggistici. Vengono appositamente individuate le invarianti strutturali che rispecchiano le identità e i valori emergenti del territorio (le strutture e le componenti idrogeomorfologiche, ecosistemiche, agro-forestali ed antropiche), per le quali sono definite le regole di manutenzione, utilizzazione e trasformazione.

  • La Strategia di Sviluppo sostenibile, ovvero la definizione di obiettivi generali e specifici (linee Strategiche) finalizzati ad orientare scelte progettuali di gestione e trasformazione del territorio. Vengono appositamente individuate le Unità Territoriali Organiche Elementari (UTOE) per la quali sono definite le “Dimensioni massime sostenibili dei nuovi insediamenti e delle nuove funzioni” i “Servizi e dotazioni territoriali pubbliche” ritenuti essenziali a garantire uno sviluppo compatibile e durevole. Sono inoltre dettate indicazioni e determinazioni per il territorio urbanizzato, il territorio rurale delle stesse UTOE, la rete infrastrutturale e della mobilità.

 

 cronoprogramma PSI Unione Valdera

 

 

 

 

- IL PROCESSO DI PARTECIPAZIONE

- Che cosa è ed a cosa serve il piano strutturale intercomunale

- Chi è il garante per l'informazione e la partecipazione e quali sono i suoi compiti 

I documenti di avvio del procedimento

- Organismi coinvolti nel procedimento

Rassegna stampa e news inerenti il Piano e il suo sviluppo

I documenti della proposta di Piano

Relazione del garante della partecipazione